DR. RIGGIO EGIDIO
DR. RIGGIO EGIDIO

"Zenith System" - La mastoplastica additiva ideata dal Dr. Egidio Riggio

System Zenith

Cos'è?
È un nuovo approccio all'intervento di mastoplastica additiva, che parte dalla scelta delle protesi anatomiche sino alla pianificazione ed esecuzione dell'intervento stesso, fondandosi su una nuova e più naturale filosofia che vuole che sia la protesi ad adattarsi al seno della paziente e non il contrario. È un sistema appositamente studiato sulla linea Natrelle 510, anche se il principio è applicabile a qualunque tipo di protesi anatomica.

 

A chi si rivolge?
È indicato per pazienti con diverse forme di seno, con risultati particolarmente eccellenti per seni con scarsa proiezione, soggetti magri e con basso BMI (Indice di Massa Corporea).

 

In cosa consiste?
Il sistema di misurazione adottato per scegliere la protesi mette in correlazione il punto di massima proiezione (vertice-zenith della protesi) e la posizione del capezzolo, per consentire il rispetto della forma peculiare di ciascun seno; si sfrutta poi la tensione dinamica e la estensibilità della pelle per l'adattamento del seno: la preparazione della tasca in cui verrà posizionata la protesi dovrà essere quindi precisa e millimetrica.

 

Perché il risultato è migliore?
Il maggiore rispetto delle forme e dei punti focali del seno, e lo sfruttamento delle sue proprietà biomeccaniche, portano ad un risultato più naturale ed armonioso, nonché più duraturo e meno soggetto a complicanze, quali ad esempio quelle dovute al mal posizionamento della protesi.

 

È dimostrato?
Dal Dicembre 2004 a Giugno 2010 è stato condotto uno studio su una serie di 75 interventi di mastoplastica additiva eseguiti su un campione di donne con differenti anatomie, età (dai 18 ai 60 anni, con una media di 33,2), massa corporea e storia di gravidanze, rispettando la misura di seno desiderata. La soddisfazione complessiva delle pazienti è altissima e minima l'incidenza di complicazioni.

 

A cosa fare attenzione?
È fondamentale scegliere il medico giusto. Ci vuole più tempo per selezionare le protesi e progettare il migliore risultato con la paziente; il chirurgo deve porre particolare attenzione anche nell'esecuzione dell'intervento, sia nel maneggiare la protesi che nel preparare la tasca tri-dimensionale.

Share by: